Primavera Estate 2017

Il passato è passato. La moda dell’estate 2017 guarderà come non mai al presente, un presente talmente veloce, tanto istantaneo, da farsi subito futuro. L’hinc et nunc, il “qui ed ora” durano il tempo di un click. Non ci si ferma, non ci si sofferma, ma si è in continuo movimento, in sovvertimento, addirittura. E dunque la moda diventerà trasgressione delle regole, voglia di stupire e provocare, di essere originali a tutti i costi. Così andranno lette le sfumature di grigio e nero, che a sorpresa diventano accento tra i colori, in un armonico e inedito contrappunto.
La tecnologia è il cardine di questo cambiamento continuo: dà nuovi strumenti e crea un’estetica rivoluzionata. Dal digitale, dall’errore di sistema, perfino, nasce l’arte, che mescola trend e culture, come in un videogioco o in un fumetto. La pelle sarà così stampata ‘fuori registro’, con linee spezzate, assemblaggi di pietre e borchie differenti tra loro in un apparentemente involontario disordine. I colori saranno pieni e intensi, con interferenze neon su basi nere classiche e preziose, intarsi gommati e applicazione di metalli leggeri e di specchiature. Una sorta di neopunk che abbina i decori dark alle lavorazioni ‘da sera’ in lurex e glitterate.
I toni che predomineranno saranno quelli della terra, ma in un mondo che non si ferma è terra arida, sabbiosa, spazzata, che si fa metallo. E anche questo è destinato rapidamente a superarsi, a virare in ardenti toni di ruggine. I pellami lisci, lucidi, dall’aspetto pulito, addirittura esasperato, si affiancheranno a stampati, fantasie a tagli, fori e incisioni, e lavorazioni anche sovrapposte, con effetti decisamente contrastati. L’impressione sarà quella di una moda personalizzata, dove l’invecchiato, la pelle dall’aria vissuta, sono esibiti in maniera elegante, attraverso effetti anneriti, che richiamano le bruciature, o toni sbiaditi e délavé. Perché la parola d’ordine sarà connessione. Connessione tra oggi e domani, tra intimità e social, tra personale e universale. Tutto convive, si fonde, rinasce. Rustico e pop, etnico e raffinato, intrecci e collage. 
Non si pensi tuttavia alla superficialità. Questa corsa sfrenata è pur tuttavia meditata e goduta, e di questa benefica riflessione parleranno i toni pastello, diafani, leggeri, e l’attenzione per tutti gli aspetti del naturale, pure sposato alla tecnologia. I materiali saranno soffici, leggeri, gli intrecci diventeranno luci e ombre, i pellami si fonderanno in finiture liquide, trasparenze sfumate, pizzi e traforati impalpabili.


ALASKA JOEL


0110

01011

0580

07012

0811
ALASKA KALEB


0110

01011

0580

0610

07065
ALASKA LAURENCE


07012

0110

0580

0482

0811
ALASKA LEMOIN


0580

0110

0437

07012

0811
ALASKA BENNET


0721

0110

0536

0418

07065
ALASKA ELIOT


0811

0110

03156

07022

0810
ALASKA PHILIP


0128

01011

0443

07012

0811
ALASKA MARQUIS


03148

0111

08085

07012

0811
ALASKA BYRON


08085

0166

07012

0311

0811
ALASKA BRIAN


0111

0580

08085

07012

0811
ALASKA LARKIN


0437

08085

07012

0306

0811
ALASKA MILLARD


0128

01011

03156

0431

07037
ALASKA ALEC


0111

08085

07012

0349

0811
ALASKA ANDY


07012

0111

08085

0349

0811
ALASKA BEVIS


0110

0536

04001

07022

0811
ALASKA ODELL


07022

0111

03156

0810

0811
ALASKA KERMIT


03292

0105

08085

0721

0811
ALASKA MANFRED


07012

0128

0619

08085

0311
Stampe / Print

alaska leo

dakar leo

alaska linwood

dakar linwood

alaska braxton

dakar braxton

alaska claudius

dakar claudius

alaska cyril

dakar cyril

alaska orson

dakar orson